domenica 29 novembre 2009

L'ACQUA

Quando ho sete faccio scorrere
a lungo l'acqua, vorrei poterla
bere più fresca, sempre più fresca.
Mi è capitato di non potermi decidere
e rimanere col bicchiere vuoto in mano,
pensando all'acqua che berrei
se attendessi ancora un po'.
È una differenza così leggera,
da riempire il mare nell'attesa:
c'è qualcosa di così immortale
nell'acqua, che ieri ho tremato
sentendo un bambino dire "ho sete".
Roberto Pazzi

3 commenti:

Baol ha detto...

Tanto ora è privata...

riri ha detto...

Fa paura, tutta questa corsa sempre per il profitto di pochi..indignarsi serve ancora a qualcosa?
Le tue foto mettono sete:-)

MAURIZIO ha detto...

Baol, ma si può scegliere il gestore?
Janas, hai una capacità eccezionale di "cogliere" le immagini.