venerdì 2 gennaio 2009

Autoritratto

Autoritratto (Lino Curci)

Non posso credere
che gli occhi siano fatti per le lagrime.
Né credo che le mani
siano fatte per torcersi, ma solo
per evocare mondi di bellezza.

Ho sempre pensato agli occhi e alle mani
come a una chiara fonte di dolcezza.
Mi piace che un imprevisto si pronunci,
che un silenzio si formi, che un sospiro nasca.


E non amo le cose che si ripetono,
i giorni che cadono nel vuoto senza annunci
come le gocce cadono in una vasca.


Avrei gradito un destino più estroso
cercandole un momento che le convenga.
In realtà ho vissuto per alcune giornate perfette,
che mi accendono il sangue con la sola memoria.
E non v'è pentimento o rimorso che le spenga,
degne per sempre di iscriversi nella mia storia.
(...)
E tutta la tristezza
che mi viene dagli uomini
non mi purifica nè mi perde:
e non si giustifica
(...)

58 commenti:

Pipoca ha detto...

ciao Ja!
se fosse stato vero che ogni lacrima è una pietra preziosa, come mi diceva mia nonna, a quest'ora sarei stata ricca sfondata. e potrei vantare dei gioielli mica male e di tutto rispetto.
per il resto sono due giorni che sono una belva e mi sto quasi convincendo che un essere alieno si sia impossessato di me nottetempo, niente rimorsi né rimpianti, solo una data lontana (il 12) o forse prima che credo mi rianimerà un po'. ...oscillante sempre, tra il dire e il fare!

nazzareno ha detto...

Visto le previsioni catastrofiche non ci conterei molto ma chissà che a furia di evocarlo in tutte le lingue più conosciute anche il 2009 cercherà di essere migliore del precedente, provare non costa nulla:
Happy New Year
Felice Anno Nuovo
Bonne Année
Gutes Neues Jahr
Feliz Año Nuevo
Feliz Ano Novo
καλ χρονιά
新年快樂
새해 복 많이 받으세요
С новым годом
Szczęśliwego nowego roku
...e a questi mi piace aggiungere il mio personale augurio di felice e sereno 2009!

berry ha detto...

Paura dei giorni che si ripetono uguali?
E se davvero fossero sempre diversi?
Tra le due non saprei quale scegliere, davvero!
Passato e Futuro: cosa scegliere?
Io scelgo la treeeeeee:
"il passato è storia, il futuro è mistero,ma oggi è un dono.. per questo si chiama presente"

Stefi ha detto...

mmmmmmi piace!
sembra che si prenda quello che si vede con gli occhi e lo si trasformi con quello che si vede con i PROPRI occhi! un altro passo nella tana del coniglio, ja'?
non ci leggo la paura che dice berry, ci leggo la voglia di vedere con occhi nuovi.. tipo, dalla sabbia che scivola dalle mani, aprendole, magicamente escono pappagallini colorati.. quella goccia che parrebbe una goccia e invece è il cuore del movimento.. quelle giornate perfette, lo sono perché ci hai messo dentro le mani, no? le tue mani! e che non è sempre semplice modellare a proprio piacere.. a volte bisogna proprio uscire dagli occhi per vedere nuovo! forse è solo questa un po' di malinconia, se ce n'è..
mmmah, io l'ho letta così! ma oggi sono ancora un po' extr-osa! ahah
o forse è colpa della simmia!! ahah ma quanto mi piacciono le scimmie!! sono l'essenza dell'uomo! l'uomo bambino!
cmq c'ha una faccia, la simmietta, che sembra ne abbia combinata una delle sue!!ahah..che hai combinato, ja'?!

UIFPW08 ha detto...

Janas sempre con foto meravigliose e musiche da sbando, un saluto e un bacio per il 2009. Maurizio

Stefi ha detto...

ah, dimenticavo una cosa importante! la mia lettura, nasce anche dalla musica che hai scelto.. il grnade duran sotto canta:
Tener la oportunidad de reencontrar el camino de nuevo para formar un mundo mejor
avere l'opportunità di re-incontrare la strada un'altra volta per creare un mondo migliore..
mi sa che c'ha qualcosa a che vedere con il cavallo imbrigliato che cantano gli altri..
eheh

ellen ha detto...

eppure le lacrime.
:S
ciao janas, buon anno!

JANAS ha detto...

Pipoca cosa succede o e successo o succederà il 12??
..Credo d'intuire cosa volesse dire la tua nonna ..credo che anche tu lo sappia..(anche se riporti la cosa solo dal punto di vista ironico!! e per questo sorrido con te!ma un po mi dispiace perchè infondo è un sorriso un po amaro!)per il resto..ti voglio riportare una cosa che un giorno, ho letto da qualche parte e che poi mi sono scritta nel mio diario, per non dimenticarmelo mai!
(quando ho letto questo brano, mi è arrivato come uno schiaffo, come quegli schiaffi che ci vengono dati per farci uscire dalle crisi isteriche):

"Sforzati di sentirti bene ogni qualvolta pensi di essere l'ultima delle creature. Non farti risucchiare dalle convinzioni di star male. Non tentare di convincere nessuno di niente. Quando non sai qualcosa, chiedi o impegnati in una ricerca.
Devi credere di possedere la capacità.
Quando sei irritata e confusa cerca di ridere di te stessa.
Ridi forte e a lungo di una donna che si preoccupa e si angoscia, pensando che i suoi problemi siano i più importanti del mondo. Sforzati per ridere di questa situazione patetica!"

Ecco, mi immagino la scena...sedute intorno al tavolino, io e te, vagamente alticce e farneticanti, tu che mi ascolti mentre ti dico queste cose, tu che mi mandi fanculo subito dopo averle sentite e io che allora provo a rimediare con un altra citazione: "Noi siamo tutti impastati di debolezze e di errori: perdonarci reciprocamente le nostre balordaggini è la prima legge di natura."
ed allora che scoppiamo in una fragorosa risata!! :)))))))

Nazzareno ben tornato!! grazie per i tuoi molteplici auguri evocati in tutte le lingue...a cui aggiungo il mio augurio in sardo Bonu Annu Nou! :))

Berry...no! non ho paura, so perfettamente che nessun giorno sarà mai uguale all'altro, nel bene e nel male!!
L'auspicio semmai è nell'augurarsi che sia il più possibile sempre nel bene!
per il resto la penso come te, occorre vivere nel presente!

Stefi..si! Un altro passo nella tana del coniglio! La tua interpretazione è corretta!! Ma soprattutto mi fa piacere che tu abbia colto la relazione fra le parole della canzone, fra quelle del tenore che arrivano un po inaspettate, la foto con la stradina di montagna con un lungo tratto percorso e altrettanto da percorrere, la speranza di un mondo migliore....l'importanza degli occhi e delle mani, le redini e il cavallo imbrigliato, tutto connesso!! :))

Ellen...eppure! Buon Anno anche a te ho visto che hai già stilato una lista di buoni propositi...;)

Marianna ha detto...

le mani, gli occhi...
le mani asciugano le lacrime dolcemente, sai alle volte le lacrime ti fortificano alle volte invece vorresti che non scendessero più ti distruggono ...e come dice Pipoca anche io sarei diventata ricca ma haimè la vita continua
sei dolcissima nei tuoi scritti brava e belle le foto!

JANAS ha detto...

Maurizio grazie, un buon anno nuovo anche te...e visto la passione che condividiamo, buone foto!! :)

Marianna con questo faccina e il mega sorriso, porti una grande allegria, un vero mega sole sorridente!!
non per fare un inno alle lacrime, ma io le associo a una qualità che non vorrei mai perdere: la capacità di sentire!!
sentire le emozioni, io piango per gioia, per compassione, perchè mi lascio coinvolgere nei sentimenti degli altri, per certi film, etc..
e mi fanno una strana sensazione quelli che non riescono a farlo..
penso che infondo stiano più male di me!

Il Massimo ha detto...

Sta Pipoca qui è sempre più peperina.
Se ogni lacrima fosse una pietra preziosa
allora tali monili non varrebbero niente.
Meglio una lacrima.
Il post, come sempre, è di una levatura quasi perfetta.
Quello che non capisco è come mai mi hai inserito con l'ultima foto.
C'è lo zampino della Stefy?
Ciao

Daniele Verzetti il Rockpoeta ha detto...

Quanta amara verità soprattutto negli ultimi versi da te postati.


Un abbraccio sincero
Daniele

JANAS ha detto...

Massimo no, non c'è lo zampino di Stefi..questa è una delle mie foto preferite!!
Sei uscito con quella leggera smorfia al lato della bocca e i tuoi occhi!! il tuo sguardo...caspita buca lo schermo!!

Daniele sai che non so più se considerarla amara...tempo fa, solo poco tempo fa, l'avrei pensata come te!
Ora sto iniziando ad accettare questa cosa, come accetto un temporale, esiste qualcosa che per quanto mi disperi e cerchi di capire, non è in mio potere cambiare, ma allo stesso modo non è più in grado di cambiare me...potrebbe sembrare una sorta di rassegnazione, ma non è così, non mi rassegno per quello che considero importante...mi rassegno a pensare di poter convincere chi la pensa diversamente da me, qualsiasi tentativo o lotta si rivela vano, allora penso che tutto quello che posso fare è sentire la responsabilità delle mie azioni, non posso cambiare gli altri, ma posso cercare di migliore me stessa!
se tutti facessero così, se tutti iniziassero a smettere di puntare il dito, e iniziassero a pretendere da se stessi, quella qualità etica e morale, che vorrebbero nella società, penso che il mondo sarebbe di gran lunga migliore!

Luigina ha detto...

Qualche volta le lacrime sono anche di gioia e le mani si possono torcere per un'emozione intensa.
Mi copio sul mio diario il brano dello "schiaffo" postato nel commento per Pipoca. Me lo rileggerò spesso.

sileno ha detto...

Nelle foto il cuore di un' artista,
nei versi il cuore di una persona viva.
Sileno

Lucignolo ha detto...

"In realtà ho vissuto per alcune giornate perfette,
che mi accendono il sangue con la sola memoria."

Quanto non mi piacciono queste parole !!!


E' vero che porto con me il ricordo di attimi speciali, irripetibili, densi di commozione, gioia, con emozione profonda, attimi che mi vedono piccolo piccolo, sovrastato da un gigantesco baratto di miele che mi versa addosso, caso mai non ne fossi già coperto, un manto di dolcezza infinita, strana, non stucchevole, qualcosa che avvolge e ti fa sentire fortunato, ma...

Ma non è di quei giorni lì che è fatta la mia vita, ne lo vorrei, ed il senso di percorso che mi porto dietro e mi indica avanti, nessuna tappa, solo la certezza che avrò ancora momenti mielosi, prima da viver e poi da ricordare, forse !

Ok ! Non si può esser sempre ottimisti, ma lasciatevi un forse, forse domani non piangerò, forse domani accetterò meglio le mie imperfezioni e quelle del mondo.

JANAS ha detto...

uigina, allora spero che tu non abbia mai bisogno di rileggerlo, ma resti li, fra le pagine del diario in forma scaramantica...:)

Sileno grazie... artista mi sembra un po eccessivo, conosco i miei limiti! Viva si! anche se i versi non sono i miei... mi ci riconosco!

Lucignolo è vero che la nostra vita è fatta di ogni piccolo frammento che compone i nostri giorni lungo tutto un percorso, ma è pur vero che alcuni di questi sono irrilevanti, vengono scartati dalla nostra memoria, mentre custodiamo nel ricordo, solo gli eventi che sono stati capaci di incidere fortemente sul nostro modo di vedere e percepire la vita, di farci crescere!
Eventi che ci hanno fatto scegliere una direzione piuttosto che un altra!
E' attraverso la selezione di questi ricordi, che noi leggiamo e per certi versi riscriviamo, nel bene e nel male la nostra vita! Generalmente la chiave di lettura è spesso determinata dai nostri stati d'animo, e per questo spesso non può essere obbiettiva!
Ecco io penso che quei "giorni perfetti" abbiano avuto un grande potere d'incidere nella visione delle mia vita, non voglio nascondere la testa sotto la sabbia e dire che non ci siano fra i miei ricordi giornate imperfette, dove hanno regnato il dolore e la delusione e l'amarezza, e non nego l'importanza che, giorni come quelli possano aver avuto...tuttavia quasi come lo stesso straordinario momento del parto, se tu mi chiedessi di descriverti il dolore del travaglio, non sarei in grado di farlo, esso è stato in parte rimosso...mentre se mi chiedessi di descriverti l'emozione provata nel trovarmi i miei frugoletti fra le braccia, avrei fiumi di parole..
se mai dovessi scrivere una biografia della mia vita, non sarebbe, ne potrebbe essere, una sequenza cronologica oggettiva di tutti gli avvenimenti di cui era composta, ma solo una sequenza di quelli che per me, sono stati i più significativi!
E sarebbe inevitabilmente, molto molto soggettiva!!

Luigina ha detto...

Janas mica ho capito perché hai tolto il tuo ultimo commento per poi ripostarlo uguale senza l'iniziale del mio nome hi hi hi!!!

JANAS ha detto...

Luigì c'era un errore formale...ogni tanto mi lascio trasportare dal contenuto e mi scordo qualche giusta coniugazione del congiuntivo...avevo scritto "dire che non ci sono" invece "che non ci siano...poi nel fare copia incolla mi sono persa una L...vabbè !

la bislacca ha detto...

Molto bella e vera l'ultima frase, Janas, ma anche quella che non è piaciuta a Lucignolo. Sarà che sto cercando di seppellire a fatica un passato pieno di dispiaceri.

:-|

Ishtar ha detto...

Mi hai lasciata senza parole mia cara...una bella riflessione non c'è che dire,ciao

Riyueren ha detto...

Eccomi. Grazie per le parole che hai lasciato da me, e grazie anche per quelle che trovo qui...e che sottoscrivo, da tanto mi rappresentano. La penso anch'io così, potrebbe essere il mio autoritratto...incredibile. Vedi, questo è il bello del blog, quando non è un diario, ma un percorso...più una carta, una mappa per un viaggio...ogni parola è un piccolo passo che ti avvicina ad un orizzonte che sempre si muove.
Si naviga a vista, su rotte d'anima, con al di sopra costellazioni di sogni. E le anime affini che s'incontrano qui...isole su cui puoi ancorare lo sguardo. E impari che le mani sono fatte per accarezzare, anche con le parole che scrivono.
Un abbraccio. E grazie ancora. Tornerò.

Pipoca ha detto...

ciao Ja!

e solo che le tue parole e i commenti degli ospiti del tuo blog propongono riflessioni importantissime e per rispondere profondamente come vorrei, dovrei.... essere meno distratta e allegra di come sono ora!

:)

Tu ed io a disquisire semi-seriamente! sarebbe da morire dal ridere e ridere vuol dire anche stare bene, nonostante tutto, ridere vuol dire essere in piena armonia con noi e gli altri e l'universo quasi intero.

che le lacrime che diventano gioielli può essere anche triste come immagine, ma la ricchezza di questi gioielli -metaforici- non è materiale, assolutamente. a volte piangi perché piangi e non puoi fare altrimenti e considerare quelle lacrime come un bene, come qualcosa che ti darà valore perché può insegnarti anche nella sofferenza, non è una cosa piccola. no no.
la vita è bella e brutta e possiamo far tesoro di tutto. ma la vita in sé non è bella né brutta siamo noi a dover avere la capacita di vivere come bello -o importante o di valore per poter migliorare cambiare o superare le difficoltà- anche il brutto.

un abbraccio grande grande grande, ma personale e su misura. :)))

JANAS ha detto...

bis..spero che tu riesca, non tanto a seppellire, ma a fare una sorta di distillato, prendere il buono del passato e lasciare precipitare e depositare i dispiaceri...:)

Ishtar ...grazie, sebbene non sia mia la riflessione, comunque per me è stato un bello spunto e sono felice che altri, come te lo condividano! ;))

Riyueren al tuo commento è impossibile aggiungere altro se non che sono perfettamente d'accordo con te e che definire questo viaggio come un percorso "su rotte d'anima, con al di sopra costellazioni di sogni" è un modo magnifico di descriverlo!
c'è una grandissima potenzialità nell'incontro fra anime affini!
Felice di averti incontrato in questa rotta! :))

Pipoca, come pensavo, eri perfettamente a conoscenza, della saggezza nascosta dietro le parole di tua nonna!! beh! potrei controfirmare ogni singola parola di quello che hai scritto, mi prendo il tuo abbraccio su misura e allargo le braccia per accoglierlo e ricambiarlo!! :*

Il Massimo ha detto...

Meno cinque!

Marianna ha detto...

aaaaaaaaaaaaaaaaa ho fatto un casino nel mio blog uffaaaaaaaaaaaaaa

JANAS ha detto...

Il Massimo ..meno cinque...è sotto la sufficienza giusto? no! quello era cinque meno...:)

Marianna oddddddio! vengo a vedere!!ahahah!:)

Blessing Sunday Osuchukwu ha detto...

Come al solito, riesci sempre a farmi viaggiare senza né gli ali nè una destinazione.
Sai, ho cercato per un attimo di pensare come sarebbe la mia vita o quella di un'altra senza gli occhi e le mani, e devo dire che mi sono rimasto quasi bloccato.....ecco, lascerei sicuramente cadere le lacrime di gioia che fanno bene

JANAS ha detto...

Blessing...le lacrime di gioia, sono come stelle e quelle di dolore giungono per lavare l'anima...almeno così ho letto!! :)

Stefi ha detto...

o uauuu! questa me la segno pure io!!

Nicolanondoc ha detto...

Bella la foto della scimmietta :-)
Ciao a presto

xtravaned ha detto...

Bellissima questa riflessione, passero presto a trovarti ancora..

Il Massimo ha detto...

Secondo me quella santa donna di tua madre ha resistito ben tre giorni pur di non farti nascere nel giorno che giustamente ti competeva.
Poi, mi avevi promesso il carbone ed invece hai scaricato un sacco di neve, tutta su casa mia.
Sono vestito tutto in bianco ed appostato con una doppietta a pallettoni in attesa di impallinarti al tuo passaggio.
Tanto ti dovevo ...
Auguri befanaaaa superrrr ....

marina ha detto...

Temo che gli occhi siano fatti anche per le lacrime e che il destino delle nostre mani sia anche quello di torcersi. Vorrei solo che dalle nostre lacrime e dalle mani che si torcono imparassimo qualche cosa che ci renda più umani
marina, che si accontenta di poco

beyk happel ha detto...

Se tutti iniziassero a smettere di puntare il dito, e iniziassero a pretendere da se stessi, quella qualità etica e morale, che vorrebbero nella società, penso che il mondo sarebbe di gran lunga migliore!

Con questa bisognerebbe tappezzarci i muri interni di tutte le case (a partire dalla mia) e i muri di tutte le città.

Comunque mi son fatto la scaletta del giorno, valida anche per quelli a venire:
1 - preparare il distillato di bellezze
2 - preparare il precipitato di dispiaceri
3 - gettare il precipitato nella pattumiera
4 - prendersi un sorso di distillato tutte le mattine appena sveglio
5 - prima che l'ampolla si svuoti ripetere le operazioni dal punto 1.


Autoconsiglio (A): fare un salto qui almeno una volta al giorno.

Autoconsiglio (B): oggi evitare di fare gli auguri alle donne. ;)

Luigina ha detto...

Ocio Max che chi tocca la befjanas ...muore ih!ih!
Auguri a tutti i cucù e alle befjanas

JANAS ha detto...

Stefi..quale? quella che giungono a lavare l'anima? :)

Nicola... a me quello sguardo mi fa impazzire! ;)

Xtravaned immaginavo dalla maschera che fossi mio conterraneo! così sono passata a trovarti..e come quando ritrovo qualcosa che parla della mia terra, è sempre come tornare un po a casa! :)

Massimo si effettivamente è stata una fortuna non nascere il 6!!
comunque è per via di una manovra maldestra, e di un atterraggio sul tetto, che ha fatto scivolare tutta quella valanga di neve..e il carbone è stato tutto usato per scaldarmi..che faceva un freddo!!

Marina, è indubbio che sia anche così, anche se sarebbe auspicabile, che l'umanità nascesse da sentimenti decisamente più positivi! Penso che tu ti riferisca all'umana compassione per le sofferenze altrui tuttavia non sempre dal dolore, scaturisce un senso più alto di compassione e umanità! se fosse vero questo, molte guerre avrebbero già avuto fine, e non alimenterebbero molte vendette ! :)

Beicappel ehehe! ti ci vedo proprio, con il cappello di Merlino, mentre compi queste magiche alchimie!!
mi prenoto
- una boccetta di infuso di bellezza.. pure due ..(.ahhaah naturalmente solo dopo aver constatato su di te che non causa effetti collaterali)
- interessante anche il precipitato di dispiaceri da cestinare! :))
...paura delle befane eh???? :)))

Luigì...ma che dici?? tuttalpiù si piglia una bastonata con la scopa...ma le befajanas sono buone!!

Ely ha detto...

ciao complimenti per le belle parole

Vagamundo ha detto...

Ma gli occhi evocano la bellezza anche quando piangono, perché la natura li ha fatti versatili pozzi di un enorme ventaglio di emozioni, diverse come la vita stessa.
"Sta mano po' esse fero e po' esse piuma", dicevano in un film di tanti anni fa...
Poi, dicono anche, che i giorni che contano, nella vita, sono una ventina, il resto fanno solo volume.

Stefi ha detto...

quella quella! dove l'hai scovata?

JANAS ha detto...

Ely grazie e benvenuta!

Vagamundo condivido pienamente la prima parte...però dai solo una ventina, sono un po pochini!! ne auspico a te e a tutti noi molti di più!!

Stefi : il pianto

Il Massimo ha detto...

Quante scuse, resta il fatto che è difficile scalzarti dal I° posto.
Befana iridata e super cucù ...
-

JANAS ha detto...

Il Massimo ...l'importante essere primi in qualcosa no? grazie per questa nomination!! ;)) infondo la befana è buona e molto amata dai bambini!! :)))

Luigina ha detto...

Jà le befjanas son buone e anche simpatiche, perciò vincere il titolo è un onore altro ché

Il Massimo ha detto...

Ma avete costituito un comitato?
W il 6 gennaio.

riri ha detto...

Fai indubbiamente riflettere e questo è bene..anche se forse mi ripeto, penso che tutto sia nelle aspettative, ecco, io son fatta in un certo modo, credo di essere abbastanza "buona", quindi dò agli altri, di conseguenza mi aspetto almeno una parte di quello che dò...questo è errato, diffcile, ma errato, allora oltre ad accettare gli altri così come sono, ma in primis se stessi, per come si è, bisognerebbe non aspettarsi niente da nessuno, nemmeno da quelli a cui hai dato tanto...arrivati a questa consapevolezza si diventa super-corazzati, ho una cara amica buddista che ci è riuscita..io ci sto lavorando da ora :-)
un caro saluto e complimenti!!

Stefi ha detto...

ahahhhhhhh grande il fotografo!!cane e padrona che si tolgono le pulci e culi in aria!uaahahahah
bellino pure quello che scrive!! bella scoperta ja'!

Carmen ha detto...

"Le lacrime degli amori che finiscono sono perle che si posano in fondo all'anima..."
l'autore di questi versi è il mio illustre concittadino ,Domenico Modugno:la canzone è tratta dallo sceneggiato televisivo , Scaramouche del 1965, e si chiama Lacrime d'amore.
Mio padre aveva un vecchio disco e quando lo ascoltava io ero una bimbetta di pochi anni. Il testo l'ho citato a memoria, sperando di non aver sbagliato quel poco che ho trascritto;il seguito è un po' confuso nella mia memoria, ma la lezione credo d'averla imparata bene...
Penso che le lacrime d'amore siano le uniche che valga la pena di piangere nella vita...Mai pentirsi d'aver amato!
Auguro a tutti 365 giorni d'amore
Carmen

JANAS ha detto...

Luigina ahmbeh! stavo per venire a darti una scopettata in testa...ahahhah! perchè sono buone ma pure un poco permalose!!hihhihi!

Il Massimo paura eh??? ahahahha! pensa a un comitato di befane che ti insegue!! ahahah!

Riri hai proposto tu una cosa importante, per la quale è necessario fare due grandi distinzioni: è vero e giustissimo che nel dare non dobbiamo mai aspettarci niente, dobbiamo farlo perchè è un piacere e un desiderio che sentiamo, mai come una prospettiva per ricevere qualcosa in cambio!!
Dall'altra parte la stima che nutriamo per noi stessi, deve pretendere dagli altri il rispetto e l'attenzione, non come qualcosa in cambio, ma come segno d'amore, che non misura il dare e l'avere, a volte basta un sorriso, o un fiore, o la partecipazione anche solo emotiva a un problema o a una gioia da parte degli altri, per sentire quell'attenzione e quell'amore, non quantificabile con un valore monetario! Quella grande qualità, in cui uno riesce ad avere tanta di quella energia, da riuscire a trovare sempre e solo in se, la fonte a quale attingere, sicuramente può portare a una grande serenità...ma non la vedo come una supercorazza...anzi forse è un togliere qualsiasi corazza!! ;)
Ti auguro di riuscirci..visto le tue riflessioni, secondo me, stai andando nella direzione giusta!

Stefi..ti riferisci a http://foto elliott erwitt.html ...già già

Carmen quasi il tuo commento si collega a quello di Riri, sul fatto che comunque nel dare amore, nel avere amato, non si debba necessariamente aspettare qualcosa, debba sempre e necessariamente essere corrisposto in egual misura, e questo anche perchè non tutti hanno lo stesso modo di amare!
E tuttavia se il nostro amore è vero, non possiamo fare a meno di amare, ne dosarlo, ne modificarlo, deve essere semplicemente vissuto per come è, con tutti i se e i ma, le gioie e le delusioni!
(io ti cito una frase di Vecchioni? boh non ricordo...non si è soli se qualcuno ti ha lasciato, si è soli se qualcuno non è mai venuto!)

Luigina ha detto...

Jà la Befana mi ha portato un libro di Terzani "Un Indovino mi disse" Ora me ne vado a leggere un altro po'

Il Massimo ha detto...

Resta il fatto che siete tutte befane, compresa Carmen la new entry. Visto che l'evento è recente, alla Luigina, assegnerò il titolo di nonna befana. Cuntenta?

Anonimo ha detto...

Il primo posto assolutto è sempre tuo.
A Pipoca assegno quello di befana nera.

Anonimo ha detto...

Sono sottopremi ma si aggiudica il titolo di befana giovane Stefy e..
befana artista Marisgutta ..
e per i maschi Lucignolo ...
A prestoooooooo ............"""""!!!!!

Luigina ha detto...

Cucù sono molto onorata per il titolo:))))))

Il Massimo ha detto...

Non c'è di che Luigina, dovere!
@ Happel. Guarda che, sotto sotto, le signore ci tengono agli auguri del 6 gennaio, specie se accompgnati da un gioello.
Ciao.

beyk happel ha detto...

Ooops!
Massimo, che peccato... ormai è passato... ;)

JANAS ha detto...

;) Massimo visto tutti gli auguri che hai seminato in giro, dovresti fare la felicità dei gioiellieri!! tuttavia a me, il primo premio risulta non pervenuto...lo sapevo! Sicuramente è colpa delle poste!!
e pensare che mi ero messa d'impegno per vincerlo!! Acc..;)))))

Beik... il mago Merlino fa gli auguri solo alle Strefate! ;)

nonsisamai ha detto...

gia', come credere che gli occhi siano fatti per le lacrime? eppure spesso...